Brescia: La nuova chiesa parrocchiale di Padergnone è un tempio massonico-satanico

brescia la nuova chiesa parrocchiale di padergnonedi Romina Malizia

Molte persone si recano ogni giorno in luoghi di culto, che siano credenti o meno nella loro vita almeno una volta hanno visitato Santuari o Chiese. Purtroppo non tutti gli edifici eretti con fini religiosi sono dedicati a Cristo, da profani non possiamo accorgerci che in realtà sono massonici-satanici. Dopo aver letto con attenzione del Tempio massonico-satanico dedicato a Padre Pio, ho trovato di ulteriore interesse “Brescia: La nuova chiesa parrocchiale di Padergnone è un tempio massonico-satanico” di “Chiesa Viva ( http://www.chiesaviva.com/420%20mensile.pdf ). All’inizio viene riportato l’articolo di Mons. Panteghini in cui descrive la Chiesa eretta:

……La chiesa di Padergnone è il risultato di una lunga e paziente “ruminatio” tra la committenza, il parroco don Gian Pietro Forbice, il progettista, l’architetto Fabrizio Viola e l’esperto d’arte e liturgia Mons. Ivo Panteghini. All’inizio, l’unica cosa certa fu il titolo che il tempio avrebbe assunto: dedicato a Cristo Risorto. Partendo proprio da questo titolo nacque l’idea della struttura: una chiesa a pianta circolare, come tutte le chiese dedicate all’Anastasiscaratterizzata tuttavia da un movimento ascensionale che evocasse quel cero che viene innalzato nel buio della notte di Pasqua simbolo di Cristo illuminante e della sua vittoria. La pianta è, dunque, circolare ma assume un andamento a spirale avente come fulcro ideale l’altare e come culmine una croce fiammeggiante. L’ingresso principale è segnato da uno splendido portone di bronzo, opera di F. Severino che con tratti scarni ed essenziali ha tradotto la terrena e apocalittica lotta tra il bene e il male. L’acquasantiera, sempre di Severino, è in cotto, il cui bacile sembra schiacciare il demone del dubbio. L’interno è dominato dalla gigantesca statua del Cristo Risorto, opera di Poli, cui fa sfondo una gran vetrata i cui colori rimandano ai quattro elementi universali: terra, aria, fuoco ed acqua. Cristo Risorto e vivente è così proclamato Signore ed “Epaphax” dell’universo e della storia…..

Successivamente prosegue l’analisi della struttura ed informazioni generiche sulla Gnosi ed i suoi adepti, facendo così un preambolo sul culto di Lucifero da parte della massoneria.

….Avere la Gnosi (= Conoscenza) significa sapere che cosa siamo, da dove veniamo e dove andiamo, che cosa ci può salvare, qual è la nostra nascita e la nostra rinascita. (…). Lo gnostico usa la Gnosi come il filtro attraverso il quale setaccia e analizza le religioni e le filosofie, per trattenere il meglio di ognuna. Così, egli elabora una religione intellettuale, basata su una rigorosa cultura, invece di una religione rivelata(…). La Gnosi nacque in ambiente giudeo- cristiano nutrendosi di un pensiero specificamente ebraico (…) e sviluppò un insegnamento peculiare, destinato ad una ristretta sètta di iniziati, mirato a scoprire, nell’insegnamento di Gesù, verità più profonde di quelle semplici, evangeliche che sono alla portata di tutti. (…). Lo gnostico afferma che il Peccato originale e il Male non provengono da Adamo e dall’uomo, ma dal Dio dei cristiani che ha imprigionato l’uomo nella materia per degradarlo ad essere inferiore a Lui… Secondo costoro, il Cristo-Lucifero (= Portatore di luce) gnostico ha indicato, come unica via di redenzione, quella della conoscenza che l’uomo da sempre è Dio, e il nemico che gli impedisce di accedervi, tramite la tenebra e l’ignoranza religiosa, è il Dio dei cristiani…….

…..Lo gnostico, per definizione, è contro la Legge divina che orienta gli uomini a conoscere e amare il Bene su questa terra per accedere alla ricompensa eterna. Egli sa, egli è Dio! Egli è convinto di possedere tutti gli attributi di Dio e di non doversi sottomettere ad alcuno… Il vero gnostico, in realtà, è il perpetuatore dello spirito di rivolta che animò Lucifero-Serpente quando sussurrava ad Adamo ed Eva di mangiare dell’Albero della Conoscenza (= Gnosi).

….si può ben affermare che Zohar e Cabala altro non sono che l’espressione ebraica della Gnosi….Con la cacciata degli ebrei dalla Spagna, nel secolo XVI, le dottrine cabalistiche fecero il loro ingresso nell’umanesimo rinascimentale poi nel protestantesimo, da dove si formarono società mistiche riunite in piccoli cenacoli di “sapienti”, detti “Rosa-Croce”. Il simbolo che li distingueva era lo stemma rosacrociano di Martin Lutero. L’essenza del pensiero rosacrociano è condensata nell’asserzione:

“L’uomo è Dio, figlio di Dio e non vi è altro Dio che l’uomo”, e il loro scopo segreto è quello di cancellare il Sacrificio di Cristo sulla Croce dalla faccia della terra».

Furono i Rosa-Croce a fondare, nel 1717, a Londra, la Massoneria moderna, costituendone l’anima nera e trasferendovi le dottrine gnostico-cabalistiche, tanto che il Patriarca della Massoneria Universale Albert Pike affermò: «Tutte le vere religioni dogmatiche sono uscite dalla Cabala e vi ritornano: tutto ciò che vi è di grande e di scientifico negli ideali religiosi… viene dalla Cabala; tutte le associazioni massoniche devono i propri segreti e i propri simboli alla Cabala».

 Tornando alla Chiesa:

brescia la nuova chiesa parrocchiale di padergnone

Questo monumento collocato alla sinistra dell’ingresso della chiesa, per il visitatore è una fonte oscura di perplessità. Mons. Panteghini, nella sua presentazione del progetto della chiesa, non dedica neppure una parola a questa indescrivibile stranezza. Dimenticanza o imbarazzo? Infatti, come si potrebbe presentarlo come “arte sacra”? Il monumento ha una base ottagonale di diametro esterno = 303 cm e spessore 20 cm; l’enorme cubo all’interno ha lato 141 cm; i anelli intrecciati tra loro, di larghezza 3 cm e diametro 99 cm che sovrastano il cubo, appoggiano su una superficie piana scavata sulla sua faccia superiore e avente un bordo e profondità entrambe di 14 cm. Con questi dati, facciamo le seguenti considerazioni:

– la base ottagonale della vasca individua una Stella a 8 punte, detta Stella di Lucifero delle iniziazioni massoniche;

– le due cifre significative 33 del diametro esterno della vasca (303 cm), rappresentano i gradi della Massoneria di Rito Scozzese Antico ed Accettato;

– i 5 anelli indicano la Stella a 5 punte, simbolo per antonomasia della Massoneria;

– col lato del cubo = 141, essendo 1 + 4 + 1 = 6, i tre lati del cubo formano un 666, che simboleggia il Marchio della Bestia, il numero dell’Anticristo ed il Maestro massone, detto anche Pietra perfetta nel suo senso spirituale di opposizione totale a Gesù Cristo;

– il n. 5 degli anelli moltiplicato per la loro larghezza, 3, 15, altro numero che rappresenta il Maestro massone;

– se si uniscono i 4 vertici superiori del cubo con il punto più alto e centrale degli anelli, si ottiene una piramide a base quadra, che, appoggiata sul cubo, forma la massonica Pietra cubica a punta, simbolo del Maestro massone, e caratterizzata dal numero 7 (tale numero si ricava dalla vista dall’alto di questo solido: la somma dei 4 lati del quadrato, delle diagonali, e del loro punto di intersezione;

– la profondità e il bordo dell’incavo ricavato sopra il cubo, essendo 14 = 7 + 7, insieme, rappresentano 4 Maestri massoni;

– il n. 99, diametro dei 5 anelli, con 9 + 9 = 18 (= 6 + 6 + 6) = 666, nel suo significato occulto, esprime 5 volte 18;

 …..nella pianta del monumento, la Stella a 8 punte di Lucifero combacia con i vertici della vasca ottagonale, mentre il disco giallo che simboleggia il “Sole infinito” di Lucifero è inscritto con precisione nelle rette che definiscono la Stella a 8 punte. …..L’acqua che sgorga dal centro del “Sole infinito” di Lucifero scende sui 4 lati del cubo come 4 fiumi, ciascuno avente un “Guardiano spirituale”, e cioé una delle 4 Massonerie che formano la Chiesa di Lucifero. Sulle facce del cubo vi sono 4 scritte impresse sui suoi lati verticali che, una volta “aperti”, formano una croce a bracci uguali. Cosa significano queste scritte?

 “Il quadrato magico massonico”

brescia la nuova chiesa parrocchiale di padergnone

 Sul “quadrato”, formato dai quattro lati verticali del cubo, situato nella vasca di forma ottagonale del monumento, compaiono le seguenti scritte: 

 La prima è di 11 lettere, la seconda, di 5; la terza, di 6; la quarta, di 7. Queste sono le cifre caratteristiche della Massoneria:

11 rappresenta il numero mistico della Cabala ebraica dalla quale dipendono tutti i segreti e la simbologia della Massoneria;

5 indica la Stella a 5 punte, simbolo della Massoneria;

6 indica la Stella a 6 punte della Cabala ebraica;

7 indica il numero del “Maestro” massone, o “Uomo-Dio”. 

ln totale, le lettere sono 29. Disponendo le lettere a forma di croce con 7 lettere per ogni braccio, più la lettera centrale S, risultano comporsi le seguenti 4 parole:

– MAESTRI

SINISTRI

– SOLDATI

SCOSSANO

Il significato di queste parole è:

“Maestri” massoni “Sinistri” sono “Soldati” che “Scossano”. Ora, “scossare” significa “scuotere” per far cadere, e l’oggetto di queste “scosse” è Gesù, indicato dalle tre lettere finali: A, N, O, che nel “quadrato magico” cristiano sono la chiave segreta che “annuncia che Gesù è l’inizio e la fine”.

Questa “croce massonica” esprime la volontà della Massoneria di promuovere e diffondere nelle 4 direzione cardinali (rappresentanti il Mondo), attraverso le 4 Obbedienze massoniche che compongono la “chiesa” di Lucifero, la guerra contro Cristo e la sua Chiesa. Le due cifre 4 e 7 (il cui prodotto fa 28), come si vedrà, sono impresse anche all’interno di questa nuova chiesa. Questa “croce massonica” esprime la guerra a Dio della “chiesa” di Lucifero per “scuotere” Gesù Cristo e farlo sparire dalla società.

 …La struttura della chiesa è fatta a spirale, dove il cerchio dell’Aula Liturgica, di 28 m di diametro (= 4 volte 7 Maestro massone), si stacca dalla forma circolare per proseguire col muro della porta di bronzo, formando un enorme numero 9, e cioè una spirale. Come dimostrato esaurientemente nel Numero Speciale di “Chiesa viva”1, che tratta del Tempio satasatanico dedicato a San Padre Pio in San Giovanni Rotondo, la spirale simboleggia il G.A.D.U., cioè il Grande Architetto Dell’Universo, o meglio il “dio” della Massoneria, Lucifero, come pure lo simboleggiano i numeri 6 e 9, essendo “l’inizio di una spirale”. Inoltre, la forma circolare dell’Aula Liturgica con la trave principale del soffitto che l’attraversa in senso obliquo, rappresenta proprio la blasfema e satanica 1a Santa Trinità massonica, e cioè il cristiano che è accolto nella Massoneria, al 1° grado.

brescia la nuova chiesa parrocchiale di padergnone

Nella pianta della struttura della chiesa, si nota la presenza di due 2 enormi spirali che formano 2 numeri 6 (rosso e blu) ed una terza spirale (nera), che si svolge in senso anti antiorario, e che – come ha scritto Mons. Panteghini “ha come fulcro ideale l’altare e come culmine una croce fiammeggiante”. Quindi, siamo in presenza di un enorme 666, Marchio della Bestia e numero dell’Anticristo! E poiché la spirale è il simbolo di Lucifero, il 666 rappresenta Lucifero in forma “trinitaria”

 “La Vergine della Speranza”

brescia la nuova chiesa parrocchiale di padergnone

 Sotto “la statua lignea e dorata” appare, invece, il titolo: “Vergine della Speranza”. Ciò che colpisce di questa statua è la totale assenza di simboli che Le conferiscano i dovuti riconoscimenti di Regina e di Madre di Dio: una preziosa corona sul capo, un crocifisso in mano o sul petto, il Bambin Gesù tra le braccia, un Sacro Cuore irto di spine, un atteggiamento di Madre addolorata… Vi è poi la presenza di quell’inquietante pugnale sacrificale che sembra quasi grottesco associare all’immagine della Vergine Maria, Madre di Dio! Ma allora, chi o cosa rappresenta questa statua “lignea e dorata”?..Nel Dizionario massonico del Troisi, alla voce “Vergine”, tra le altre, leggiamo: «Simboleggia l’ermafroditismo e spesso è indicata come Stella a 6 punte o Sigillo di Salomone», e noi aggiungiamo: noti simboli della Cabala ebraica. Sul Dizionario dei simboli del Chevalier-Gheerbrant, sempre alla voce “Vergine”, si legge: «Essa governa la coscienza che emerge dalla confusione e la nascita dello spirito», e noi aggiungiamo: è proprio quello che succede al massone che diventa Maestro, emergendo dalla confusione delle varie dottrine religiose, e acquisendo lo Spirito Santo… satanico. 

brescia la nuova chiesa parrocchiale di padergnone

Su La simbologia massonica del Boucher, al paragrafo: I “Figli della Vedova”, si leggono le seguenti frasi:

«… i massoni sono i “figli della vedova”, cioè della Natura sempre vergine feconda»; «… che Iside, la “vedova” di Osiride, è la Loggia massonica…»; «Siamo tutti figli di uno stesso padre, Hiram, e restiamo solidali nella comune difesa della sua “vedova”, la Massoneria». Nel libro di Mons. Leone Meurin, Frammassoneria Sinagoga di Satana, si legge che il significato più profondo del termine “Figli della Vedova” è: “Figli della Sinagoga di Satana”. E quel pugnale sacrificale, col manico d’oro, ai piedi della “Vergine”, a cosa serve, a chi è rivolto? Con una “Vergine della Speranza” che ormai non può più essere confusa con la Madonna, ma che, in realtà, rappresenta la Natura sempre vergine, o meglio la Vedova dei massoni, o meglio ancora la Massoneria, non ci rimane che accettare l’unica ipotesi coerente: questo pugnale sacrificale è offerto dalla Massoneria stessa al Cavaliere Rosa-Croce (simboleggiato dalla statua del “Cristo Risorto”) per raggiungere il colmo dell’audacia di Lucifero: “voler rovesciare la SS. Trinità, mettersi al suo posto, e farsi offrire la rinnovazione figurata del DEICIDIO commesso per la prima volta sul Calvario!”.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Porta Alchemica Piazza Vittorio a Roma: Porta Ermetica, Porta Magica, Porta dei Cieli Successivo Abbazia di Thélema a Cefalù ed il satanista Aleister Crowley