Epidemie e lobby farmaceutiche

cancer_treatment_businessdi Romina Malizia

Non è una novità che siamo cavie, clienti a vita delle case farmaceutiche, consumatori consapevoli di medicinali che ci rendono dipendenti oppure provocano malattie. Le cure alternative esistono e tutto parte dall’alimentazione corretta, ma data la realtà angusta che viviamo…non è facile mettere sempre in pratica la teoria. Il “biologico” ha un costo superiore, l’esclusione della carne (fa malissimo) comporta la sostituzione giusta e salutare con verdure e frutta ma non tutti possono permetterselo economicamente. E’ un carne che si morde la coda. Chi può si cura, previene, mangia in modo sano, chi non ha la possibilità soccombe. Sembra uno sterminio silenzioso del pianeta tramite il killer più spietato: creare malattie. Di seguito articoli riguardanti le case o lobby farmaceutiche e lo scandalo relativo al business segreto della vendita di virus.

http://informatitalia.blogspot.it/2014/04/epidemie-virologa-e-deputata-di-scelta.html

sabato 5 aprile 2014

Epidemie, virologa e deputata di “scelta civica” coinvolta nell’inchiesta

La notizia è gravissima, e avrebbe meritato maggiore risalto. 

Grazie a un’inchiesta nata in USA e portata avanti dai NAS di Roma, una nota virologa, nonché deputato di “scelta civica”, Ilaria Capua, è finita sotto inchiesta per il cosiddetto “business delle epidemie”, che coinvolge scienziati e aziende. La Capua è indagata per i reati di “associazione per delinquere finalizzata alla corruzione”, “abuso di ufficio” e “traffico illecito di virus”. 

Oltre a lei sono finiti sotto inchiesta anche il marito della deputata, ex manager di un’azienda di Aprilia operante nel settore veterinario, alcuni scienziati dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Padova e altri, per un totale di una quarantina di indagati. Se le accuse saranno dimostrate, si tratterebbe di una vera e propria banda, e visto il delicato settore, c’è da preoccuparsi seriamente. 

Gli inquirenti sospettano che gli indagati strumentalizzassero il pericolo di epidemie ed i rischi di contagio per l’uomo, in modo da costringere le autorità sanitarie a spendere forti cifre – si parla di un giro da centinaia di milioni di euro – di farmaci.

incapacidad-pago

http://www.nocensura.com/2014/04/sapete-quanto-costa-una-chemioterapia-e.html

Vi siete mai chiesti quanto guadagna una casa farmaceutica?
Bene, di seguito troverete una lista con i nomi e i fatturati  delle più potenti case farmaceutiche del mondo (Fonte della classifica: Wikipedia, L’enciclopedia Libera. Link—>http://it.wikipedia.org/wiki/Case_farmaceutiche ) che con i loro pochi introiti dopo tutti questi anni non sono ancora in grado di debellare il tanto Potentissimo Male della Terra : Il Cancro.
Con immenso sdegno ho scoperto che le case farmaceutiche traggono dei profitti enormi nel commercializzare la chemioterapia o la radiologia. Forse non tutti sanno che  per eseguire una chemio, che viene pagata dai noi contribuenti, servono la bellezza di :
  1. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 128.217,00 euro. 
  2. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Vinolrelbina associata a Cisplatino (TAX 326 + ILCP) per 100 pazienti: 200.940,00 euro 
  3. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Carboplatino (ECOG 1594 + ILCP) per 100 pazienti: 216.945,00 euro
  4. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Gemcitabina associata a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 409.020,00 euro
  5. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594 + TAX 326) per 100 pazienti: 540.093,00 euro
  6. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Carboplatino (TAX 326) per 100 pazienti: 548.955,00 euro. 

Capite bene come alle case farmaceutiche non interessi concentrarsi su altri metodi per eliminare il cancro,magari a prodotti e/o sistemi meno costosi ma con risultati forse anche migliori.

Qui di seguito vengono riportati i dati di fatturato ed utile delle varie case farmaceutiche.
(Nota: il fatturato è espresso in MILIONI di dollari: cioè la Pfizer fattura 52.516 milioni!!!) 
Lista-case-Farmaceutiche-

Il business segreto della vendita dei virus che coinvolge aziende e trafficanti

Ceppi di aviaria spediti in Italia per posta. Accordi tra scienziati e aziende. L’inchiesta segreta dei Nas e della procura di Roma ipotizza un vero e proprio traffico illegale. E nel registro degli indagati c’è un nome eccellente: quello di Ilaria Capua, virologa di fama e deputato. Che respinge le accuse

Virus dell’aviaria spediti dall’estero in Italia in plichi anonimi, senza nessuna autorizzazione e violando tutte le norme di sicurezza, per produrre vaccini. Con il rischio di diffondere l’epidemia. “L’Espresso” nel numero in edicola domani rivela l’esistenza di un’inchiesta choc dei carabinieri del Nas e della procura di Roma su un traffico internazionale di virus.

Con un sospetto, messo nero su bianco dagli investigatori dell’Arma: c’è un business delle epidemie che segue una cinica strategia commerciale. Amplifica il pericolo di diffusione e i rischi per l’uomo, spingendo le autorità sanitarie ad adottare provvedimenti d’urgenza. Che si trasformano in un affare da centinaia di milioni di euro per le industrie. In un caso, gli inquirenti ipotizzano perfino che la diffusione dell’influenza tra il pollame del Nord Italia sia stata direttamente legata alle attività illecite di alcuni manager. E l’indagine ricostruisce i retroscena sullo sfruttamento dell’allarme per l’aviaria nel nostro Paese, che nel 2005 spinse il governo Berlusconi ad acquistare farmaci per 50 milioni di euro, rimasti inutilizzati.

L’inchiesta è stata aperta dagli investigatori americani, che hanno ottenuto le confessioni di Paolo Candoli, manager della filiale italiana di Merial, sui ceppi patogeni di aviaria spediti illegalmente a casa sua in Italia e poi venduti ad aziende statunitensi. Nel 2005 la Homeland Security Usa ha trasmesso i documenti ai carabinieri del Nas, che già si erano occupati a Bologna di una organizzazione criminale dedita al traffico di virus ed alla produzione clandestina di vaccini.

La nuova inchiesta dell’Arma si è allargata, seguendo le intercettazioni disposte dai magistrati di Roma. Candoli nella capitale sa come muoversi: sponsorizza convegni medici organizzati da professori universitari, regala viaggi e distribuisce consulenze ben pagate e questo gli permette di avere “corsie preferenziali” al ministero della Salute per ottenere autorizzazioni, riesce a far cambiare parere alla commissione consultiva del farmaco veterinario per mettere in commercio prodotti della Merial.

Tra i suoi referenti più stretti c’è Ilaria Capua, virologa di fama internazionale, attualmente deputato di Scelta Civica e vice presidente della Commissione Cultura alla Camera. Fino all’elezione alla Camera, era responsabile del Dipartimento di scienze biomediche comparate dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale (Izs) delle Venezie con sede a Padova. Il risultato degli accertamenti del Nas ha portato il procuratore aggiunto di Roma, Giancarlo Capaldo, a ipotizzare reati gravissimi. La Capua e alcuni funzionari dell’Izs sono stati iscritti nel registro degli indagati per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, all’abuso di ufficio e inoltre per il traffico illecito di virus. Stessa contestazione per tre manager della Merial. Anche il marito della Capua, ex manager della Fort Dodge Animal di Aprilia, attiva nella produzione veterinaria, è indagato insieme ad altre 38 persone.

farmaci morte
Nell’elenco ci sono tre scienziati al vertice dell’Izs di Padova; funzionari e direttori generali del mistero della Salute; alcuni componenti della commissione consultiva del farmaco veterinario; coinvolta anche Rita Pasquarelli, direttore generale dell’Unione nazionale avicoltura. I fatti risalgono a sette anni fa ma molti degli indagati lavorano ancora nello stesso istituto.

Alcuni dei manager al telefono si vantano dei metodi usati per trasferire i virus clandestinamente in tutto il mondo: dalla Francia al Brasile, nascondendoli in pacchi anonimi o tra gli abiti delle valigie. «Abbiamo fatto cose turche», dicono. Secondo gli investigatori del Nas, anche la Capua e l’Istituto Zooprofilattico sono coinvolti nel traffico illegale: la scienziata sarebbe stata pagata per fornire agenti patogeni.

In una conversazione registrata è la stessa virologa a farne esplicito riferimento, sostenendo di aver ceduto ceppi virali in favore di un veterinario americano. Contattata da “l’Espresso”, Ilaria Capua respinge tutte le accuse: conferma di conoscere Candoli ma spiega «di non aver mai venduto ceppi virali. Sono dipendente di un ente pubblico e non vendo nulla personalmente».

Print Friendly, PDF & Email
Precedente I vari significati del simbolo della Pace Successivo Carne umana, cervello, fibre sintetiche, ecco cosa mangiamo. Discount, supermercati e McDonald